Nove maggio, giorno della memoria

Nove maggio, giorno della memoria
maggio 09 09:40 2017 Print This Article

9 maggio, una data densa di significati. Per tutti gli europei e, soprattutto, per noi italiani. A me personalmente piace definirla ‘la giornata della memoria’ (prendendo a prestito il nome di un’altra ricorrenza, il 27 gennaio, ma questa è un’altra storia), perchè credo che sia il giorno in cui tutti dovremmo fermarci a ricordare cosa è successo.

 

9 maggio 1950, giorno della Dichiarazione Schuman: la nascita dell’idea di Europa. Robert Schuman, Ministro degli Esteri francese, nel discorso della ‘Sala dell’Orologio’ prospetta la prima azione, ‘limitata ma decisiva’, per costruire un’Europa unita e in pace: mettere l’insieme della produzione franco-tedesca di carbone e di acciaio sotto una comune Alta Autorità, nel quadro di un’organizzazione alla quale possono aderire gli altri paesi europei. Carbone e acciaio rappresentavano, all’epoca, i motori fondamentali dello sviluppo economico: un’economia integrata avrebbe reso materialmente impossibile una guerra fra le due parti. La dichiarazione costituisce quindi un passo fondamentale verso la (ri)costruzione pacifica di un’Europa che usciva a pezzi da 2 conflitti mondiali nel giro di 30 anni, nei quali il ‘contrasto secolare’ tra Germania e Francia era sempre stato uno dei leit motiv ricorrenti.

Festeggiamo la giornata dell’Europa in memoria di quel primo, coraggioso passo verso l’unità: oltre le differenze, le ostilità secolari, gli interessi strettamente nazionali, in nome di un bene comune più grande. Ricordare la dichiarazione Schuman, quello che rappresenta e in che contesto fu pronunciata, aiuterebbe a ridare luce a quel cammino di integrazione e solidarietà che ultimamente sembra un po’ perso nella nebbia (a questo link il bellissimo testo integrale della Dichiarazione Schuman).

 

9 maggio 1978, giorno del ritrovamento del cadavere dell’onorevole Aldo Moro in via Caetani a Roma. Il ‘caso Moro’, i 55 giorni di prigionia di uno dei personaggi politici più in vista dell’epoca (in prima linea fin dalla Costituente, per 5 volte Presidente del Consiglio, all’epoca presidente della DC) e il suo assassinio per mano delle Brigate Rosse, rappresenta ancora oggi una delle pagine più buie della nostra storia repubblicana, sulla quale rimangono moltissimi punti oscuri. Difficile riassumere in poche parole il groviglio di implicazioni che accompagna il sequestro Moro: il terrorismo, la ‘solidarietà nazionale’, il ‘compromesso storico’ e gli equilibri della Guerra Fredda. La ricorrenza del 9 maggio può essere l’occasione per riscoprire una storia terribile ed affascinante, per chiedere a genitori e nonni che hanno vissuto quegli anni tesi, di piombo, come fosse l’Italia di allora, e cosa ancora ci portiamo dietro di quel pesante bagaglio storico.

 

9 maggio 1978 è anche la data del ritrovamento del cadavere di Giuseppe ‘Peppino’ Impastato, evento che all’epoca passò praticamente in sordina per la coincidenza con il più eclatante ritrovamento del corpo di Aldo Moro. Il film ‘I cento passi’ di Marco Tullio Giordana, uscito nel 2000, ha dato al pubblico la possibilità di conoscere, e quindi ricordare e onorare la memoria di Peppino Impastato, il coraggioso ragazzo siciliano che osò denunciare apertamente la mafia, alla quale la sua stessa famiglia era legata. Una storia bella e commovente, di onore e sacrificio, che merita di essere ricordata in questa ‘giornata della memoria’.

 

9 maggio 2017: per capire il presente ed orientarsi verso il futuro, bisogna prima conoscere il passato. Approfittiamo della giornata di oggi per ricordare i Padri Fondatori dell’Europa, Aldo Moro e Peppino Impastato. Per essere cittadini migliori e più consapevoli.

  Article "tagged" as:
  Categories:
view more articles

About Article Author

Barbara Zamboni
Barbara Zamboni

Barbara Zamboni, trentenne (e qualcosa) è nata e vive a Trento. Cittadina europea nell’anima, ringrazia ogni giorno di far parte della generazione erasmus. Ha conseguito un master in studi europei a Varsavia.

View More Articles
view more articles

Related Articles